LA VIOLENZA PARENTALE


Lina Guenna Borgo (1 giugno 1869 – 11 gennaio 1932) è stata una pedagogista italiana. La Borgo seguì un metodo pedagogico, rivolto a bambini in età prescolare, incentrato su concetti ispirati al culto della libertà cosciente, della tolleranza e del ripudio della violenza.

pubblicità progresso

Nel 1999 il Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l’Abuso all’Infanzia condusse uno studio sull’esposizione ai conflitti familiari affermando che: “Per violenza assistita intrafamiliare si intendono gli atti di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica compiuti su figure di riferimento o su altre figure – adulte o minori – affettivamente significative di cui il bambino può fare esperienza direttamente (quando la violenza avviene nel suo campo percettivo), indirettamente (quando il bambino è a conoscenza della violenza) e/o percependone gli effetti”.

L’importanza e la pericolosità per il bambino di una esposizione continuata alla violenza intrafamiliare, anche se è un fatto riconosciuto, troppe volte viene ignorata e/o sottovalutata. L’esposizione alla violenza, invece, è una situazione traumatica che può produrre effetti rilevanti sullo sviluppo della persona, non di rado infatti è la causa dell’emergenza di forme  depressive o addirittura psicopatologiche.

Continua a leggere

Annunci

Berlusconi e i risvolti mediatici dell’attacco a Milano


La violenza va sempre condannata. L’atto compiuto da Massimo Tartaglia a Milano contro il premier Silvio Berlusconi è decisamente deprecabile e va stigmatizzato con decisione. Giusto ed ovvio.

Berlusconi ferito al volto

Come d’altra parte è ovvio il ribaltamento dei ruoli in questa storia, ovvero il carnefice diventa vittima e la vittima diventa un martire, un eroe.

Continua a leggere