THE DARK SIDE OF THE MOON. CRAXI E I SUOI EPIGONI SENZA MEMORIA


Anche la nostra città rende omaggio a Bettino Craxi intitolandogli una via, la ormai ex 407. Il perché il capoluogo ibleo si è sentito in dovere di commemorare il decimo anniversario della morte di un ladro non è molto chiaro. Possiamo ipotizzare che il primo cittadino di Ragusa, Nello Dipasquale, ha voluto ricordare un grande statista che ha dovuto pagare per tutti, con due condanne definitive, scontate liberamente e a debita distanza dal suolo italico, su una splendida spiaggia di Hammamet.

Ma chi era Bettino Craxi? Un socialista o meglio il leader che decretò la morte del Partito di Pietro Nenni, un Presidente del Consiglio dei ministri, uno dei protagonisti della stagione di Mani Pulite, un amico di Licio Gelli e di Roberto Calvi, ma anche un ladro, un latitante ed un amico di Muammar Gheddafi, quando Gheddafi era nella lista nera degli States.

Bettino fu condannato: a 5 anni e 6 mesi per corruzione nel processo Eni-Sai, il 12 novembre 1996; e a 4 anni e 6 mesi per finanziamento illecito per le mazzette della metropolitana milanese, il 20 aprile 1999. Per tutti gli altri processi in cui era imputato fu pronunciata sentenza di estinzione del reato a causa del decesso dell’imputato. Fino a quel momento Craxi era stato condannato a: 4 anni e ad una multa di 20 miliardi di lire in primo grado per il caso All Iberian, il 13 luglio 1998, pena poi prescritta in appello il 26 ottobre 1999. 5 anni e 5 mesi in primo grado per tangenti Enel, il 22 gennaio 1999; 5 anni e 9 mesi in appello per il conto protezione, sentenza poi annullata dalla Cassazione con rinvio il 15 giugno 1999; 3 anni in appello bis per il caso Enimont, il 1° ottobre 1999.

Queste le vicende giudiziarie di Bettino, ma come molti interpreti hanno detto, sia da sinistra che da destra, non si vuol commentare il “tangentaro”, ma l’uomo politico, lo statista.

Ma vediamo Bettino, uomo politico.

Ricordando lo statista Bettino non possiamo ignorare: la sua politica economica, lungimirante e innovativa, un vero viatico per il debito pubblico. Ma ancora la sua ingerenza nell’affare SME o la sua contrapposizione, nel 1984, ai pretori di Piemonte, Lazio ed Abruzzo con il famigerato “Decreto Berlusconi”. E poi Bettino Craxi, il crack del Banco Ambrosiano e la sua impavida difesa di quel sant’uomo di Roberto Calvi. Infine interessante è il suo ruolo svolto nella fuga di Abu Abbas, terrorista direttamente coinvolto nell’esecuzione di Leon Klinghoffer, ebreo e paralitico, gettato giù dall’Achille Lauro nel 1985.


Annunci

CALVI, LA P2 E IL BANCO AMBROSIANO


Quando nel 1981 vennero scoperti gli elenchi della P2 Roberto Calvi fu spacciato, ed in pochi mesi fu arrestato, incriminato e condannato. Bettino non sapendo cosa dire in Parlamento inveii contro i magistrati che avevano arrestato Roberto Calvi. Bettino in nome di un ipotetico quanto improbabile garantismo si scagliò contro: “l’uso strumentale delle manette” ed ancora contro “gli eccessi moralizzatori della campagna maccartista sulla P2”. Una reazione strana, che apparve del tutto normale, però, quando si scoprì che il Banco Ambrosiano aveva versato 7 milioni di dollari al PSI tramite il famoso Conto Protezione, comparso per la prima volta nelle carte di Licio Gelli, i cui segreti furono svelati da Silvano Larini.

La vicenda è estremamente complessa e nebulosa, come tutta la storia della P2 e del Banco Ambrosiano, legato alla mafia e allo IOR di Paul Marcinkus.

Continua a leggere

CRAXI E LA POLITICA ECONOMICA


Quando Craxi fu Presidente del Consiglio il debito pubblico crebbe enormemente, passando dai 235.520 milioni di euro del 1983 a i 460.418 milioni di euro del 1987, cioè in soli 5 anni il rapporto deficit/pil passò dal 70,3% all’88,6% (vedi tabella a lato). Vero è che dal 1965, anno in cui il debito pubblico ammontava al 35,02% del Pil, il debito pubblico crebbe progressivamente sino a raggiungere le cifre da capogiro che noi tutti ben conosciamo, ma altrettanto vero è che la crescita in quei cinque anni craxiani segnò un record ad oggi insuperato e forse insuperabile. In questa performance avrà inciso o no il malaffare di marca socialista? Se grazie a Craxi a Milano 1 km di metropolitana costò 192 miliardi contro i 45 miliardi della metro di Amburgo, possiamo dedurre che quelle come altre tangenti hanno contribuito ad incrementare il debito pubblico italiano? Ed ancora, è tanto assurdo usare ciò a detrimento dell’immagine del politico Craxi?

Ma abbandoniamo le tangenti e guardiamo il suo operato squisitamente politico.

Continua a leggere