Ragusa. Per Cosentini è prossima l’ennesima rivoluzione cristiano democratica… (trasformismo gattopardesco)


vice sindaco di Ragusa Giovanni Cosentini

Come volevasi dimostrare ecco le pronte dichiarazioni di Giovanni Cosentini, vice sindaco di Ragusa, che non appena ritornato dalla tre giorni organizzata dall’Udc a Todi ha dichiarato:

Una opportunità unica. Non ripetibile. Soprattutto per la provincia di Ragusa. Perché si gettano le fondamenta per la costruzione della casa comune dei moderati. E’ interessante sottolineare – continua Cosentini – come, con riferimento al quadro esistente nella nostra provincia, la creazione di questo progetto politico potrebbe attrarre quanti sono alla ricerca di una politica non gridata, di una politica come progetto, al servizio dell’uomo, della famiglia, della solidarietà e della sussidiarietà. Il Partito della nazione, insomma, potrebbe attirare quanti non si ritrovano più a sinistra, nella logica di un Pd che ha smarrito la via della politica, e quanti a destra sono stanchi di assistere a posizioni estreme che fanno storcere il naso a tanti amici che intendono la politica come momento di dialogo e di condivisione di determinati percorsi.
La manfrina è sempre la stessa: “saremo una forza moderata” e  “saremo la casa dei delusi”. Ma poi il pensiero di Casini riportatoci da Cosentini si esplicita in tutta la sua sostanza:
Il Partito della nazione vuole proporsi ad un elettorato e ad una classe dirigente che non ci sta più a questo meccanismo perverso del bipartitismo, all’estrema ossessione della Lega nel costringere il Governo ad assumere decisioni penalizzanti per il Meridione”.
Annunci