Le elezioni si vincono anche così


Questa l’annalisi che la redazione di Annozero, Rai 2, ha fatto nell’ultima puntata del programma. La questione è sempre quella, il conflitto di interessi, che pare non interessare a nessun se non ai cittadini, a qualche giornalista e a un po’ tutte le autorità di garanzia delle telecomunicazioni.

E’ notizia dello stesso 21 ottobre che l’Agcom, non proprio un istituto al servizio delle opposizioni, ha diffidato per il trimestre appena conclusosi (luglio-agosto-settembre 2010) il Tg1, il Tg4 e Studio Aperto, per:

un forte squilibrio dedicato da alcuni telegiornali a favore della maggioranza e del Governo. La Commissione ha pertanto deliberato di impartire una diffida al Tg1 ed un richiamo al Tg4 e a Studio Aperto. Qualora tale squilibrio perdurasse verranno adottati nuovi provvedimenti.

Continua a leggere

Israele. La fiera del libro, antisionismo o democrazia?


  

Qualche giorno fa a L’Infedele, la trasmissione condotta da Gad Lerner su La7, si è discusso di ebraismo, Israele e della paura del mai sopito antisemitismo. L’occasione è stata fornita alla redazione del L’Infedele dalla prossima apertura della Fiera del Libro di Torino (dal 8 al 12 maggio) e dalle tante polemiche sorte contro gli organizzatori che hanno scelto Israele come paese ospite per questa edizione, anche perché questo sarà l’anno del 60° Anniversario della fondazione dello Stato ebraico.

Come sempre  tutti hanno perso l’occasione di agire secondo ragione.

C’è chi brucia le bandiere, chi grida allo scandalo e chi difende miopiamente questa o quell’altra fazione. Ma nessuno di questi ha mai pensato solo per un attimo di abbandonare la bandiera dell’isteria e della partigianeria più becera. Lo stesso presidente della Fondazione per la Fiera del Libro, Rolando Picchioni, si è visto tristemente costretto a difendere la sua scelta. “Nessun contatto fra Stato e Stato. La decisione di invitare Israele quale Paese ospite della Fiera della Libro di Torino è nata da una passeggiata con alcuni esponenti torinesi della Comunità ebraica”. Ma anche lui poteva fare uno strappo alla regola, che si è guradato bene dal fare.

Non parliamo poi di quella Claudia De Benedetti dell’Unione delle Comunità ebraiche italiane, fieramente presente, con tutta la sua tracotanza alto-borghese, nel salotto di Gad Lerner. La quale interpellata, poche volte a dir la verità, dal conduttore è riuscita semplicemente a sottolineare l’importanza che ha questo invito per il popolo e la cultura ebraica. Proseguendo con la sua fiera tracotanza non ha fatto altro che glorificare la scelta di sventolare, alla Fiera di Torino, le bandiere dello stato ebraico, vessilli che verranno portati in massa proprio da lei e dai suoi collaboratori. Nulla di male, se non fosse che Israele non è semplicemente uno Stato, non è semplicemente la Nazione ebraica, perché dietro, a fianco e davanti il concetto, il significato dello Stato Israeliano ci sono innunerevoli significati, valori, principi o semplicemente realtà che hanno la stessa dignità e perciò non possono essere lasciati in balia degli eventi.

La Fiera del Libro dovrebbe essere sinonimo di cultura e la cultura dovrebbe essere sinonimo di dialogo, confronto, emancipazione nonché di pace.

Cosa sarebbe costato fare uno strappo alla regola? cosa sarebbe costato ergersi al di sopra della mediocre partigianeria? e ancora cosa sarebbe costato chiedere agli organizzatori della Fiera del Libro di fare uno strappo alla regola ed invitare per l’Edizione del 2008 due Stati come ospiti. Due “Nazioni” che 60 anni fa hanno visto i loro destini incrociarsi tragicamente ed indissolubilmente.  Sicuramente tanto visto che nessuno lo ha fatto e nessuno a quanto ne sappia ha sollevato questa malsana possibilità. Certo è che se in Italia, un Paese sicuramente e fortunatamente vicino (con diverso slancio) al futuro di questi due popoli, si inciampa così goffamente su tali questioni, figuriamoci in una terra martoriata ed intrisa del sangue dei figli di quei due popoli.

Come se non bastasse il nostro presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini, ex fascista ma purificatosi con l’abluzione in Terra Santa nel 2003 ha ritenuto giusto nonché doveroso, salvo poi smentire, come gli ha ben insegnato il suo precettore (Silvio Berlusconi), di paragonare le gravi contestazioni di Torino con il fatto che un gruppetto di nazi, ben conosciuto dalla digos e dall’autorità giudiziaria, hanno picchiato ed ucciso un ragazzo, così per diletto, per gioco. Gianfranco Fini:

“Quel gruppo neonazista va preso, messo in galera e rieducato, non ci può essere nessun tipo di solidarietà”. Però, rispetto a questo episodio, sono “molto più gravi” le contestazioni dei giorni scorsi della sinistra radicale contro la Fiera del libro di Torino. Lo ha dichiarato il presidente della Camera, Gianfranco Fini, durante le registrazioni di “Porta a Porta”.

e poi ha detto:

“Sono polemiche inventate, quando non si hanno argomenti per polemizzare allora si inventano. Io non ho mai difeso i naziskin che sono da condannare assolutamente, ho solo detto che i due fenomeni, quello di Verona e quello della fiera del Libro di Torino non sono paragonabili tra di loro”.

 

Quando si nasce per comandare. Michela Brambilla ovvero ‘a salmonata


Girovagando in rete ho trovato questo bellissimo articolo, che non posso non segnalarvi, su BabanaBis: Michela Vittoria Brambilla, la delfina con gli occhi da triglia.

Di chi parla? Naturalmente di quella forza della natura che è la Michela Vittoria Brambilla, l’eterna sconosciuta per Fini, grande giornalista e cassa di risonanza di Forza Italia con la sua TV delle Libertà, laureata ed “appassionata” di filosofia, anche se per lei la Filosofia è solo esoterismo, magia e misticismi vari ed infine spirito demiurgico dei Circoli della Libertà.

Buona lettura del post di BananaBis.

dal 7′ e 20″ la Brambilla riprende una cantonata