Il Gioco delle tre carte. L’ex Pdl, il Polo della Nazione e l’antipolitica


Il countdown dei partiti è iniziato. Era un po’ che aleggiava, ma adesso possiamo dire che ci siamo. Prima lo spread con la crisi, quindi lo spauracchio greco ed il Governo Monti. E ancora le inchieste dei tribunali di mezza Italia che colpiscono il PD al nord e al sud, dimezzano o azzerano i vertici della Lega Nord e poi il Pdl, che con i suoi esponenti è sempre un must per ogni procura. Ma tutto ciò non era stato sufficiente a far crollare il teatrino della politica, occorreva la fatidica goccia. Ci ha pensato Grillo con il suo Movimento o meglio con il suo presunto 10% ad accellerare il moto di distruzione.

Tutto questo, naturalmete, poggia sul sostanziale fallimento del governo Monti e sul fatto che il popolo italiano pian piano ne sta prendendo coscienza.

Già l’anno scorso, quando il governo retto da Silvio Berlusconi era solo il fantasma di se stesso, pian piano si faceva largo l’idea che il Popolo della Libertà era giunto, come il suo leader, al capolino. Si parlò della nascita di un nuovo partito,  che avrebbe soppiantato il “vecchio” Pdl, legato a doppio filo con il Partito Popolare Europeo. Un soggetto politico che, avendo messo alla porta il Cav., avrebbe preso nome e linee di pensiero proprie del Ppe. Poi si parlò pure dell’eventualità della nascita di due partiti il Ppe, appunto, ed un secondo retto da Berlusconi e dai suoi fedelissimi. Oggi le cose sono finalmente più chiare.

Continua a leggere

Annunci

L’ideona manca e a salvare la baracca ci pensa il popolo bue


Il Governo non ha ideone. Che brutto termine. Ma a parte ciò,  credo che un po’ tutti noi ce n’eravamo accorti già da un po’.  Monti e lo squadrone dei tecnici si erano presentati alla nazione come i salvatori della Patria, così come il popolo italiano, stanco di Berlusconi e fiducioso nel proprio Presidente della Repubblica, li aveva salutati come l’unica e ultima ancora di salvezza.

I tecnici, con le loro competenze professorali, con il loro rinnovato linguaggio (da un punto di vista politico), con la loro “sobrietà”, ci avevano indotto a pensare che qualcosa potesse cambiare. Visto che questi non fanno i politici di professioni, visto che questi non hanno l’esigenza di ripresentarsi alle prossime politiche, tutti noi avevamo creduto di poter assistere ad una rivoluzione democratica, liberale e pacifica.

Rimbombano ancora nella mia mente le parole di insediamento del professor Monti come Presidente del Consiglio in Senato:

Governo di impegno nazionale significa assumere su di sé il compito di rinsaldare le relazioni civili e istituzionali, fondandole sul senso dello Stato. È il senso dello Stato, è la forza delle istituzioni, che evitano la degenerazione del senso di famiglia in familismo, dell’appartenenza alla comunità di origine in localismo, del senso del partito in settarismo. Ed io ho inteso fin dal primo momento il mio servizio allo Stato non certo con la supponenza di chi, considerato tecnico, venga per dimostrare un’asserita superiorità della tecnica rispetto alla politica. Al contrario, spero che il mio Governo ed io potremo, nel periodo che ci è messo a disposizione, contribuire in modo rispettoso e con umiltà a riconciliare maggiormente – permettetemi di usare questa espressione – i cittadini e le istituzioni, i cittadini alla politica. Io vorrei, noi vorremmo, aiutarvi tutti a superare una fase di dibattito, che fa parte naturalmente della vita democratica, molto, molto, accesa, e consentirci di prendere insieme, senza alcuna confusione delle responsabilità, provvedimenti all’altezza della situazione difficile che il Paese attraversa, ma con la fiducia che la politica che voi rappresentate sia sempre più riconosciuta, e di nuovo riconosciuta, come il motore del progresso del Paese.

Bene! Anzi benissimo, mi dissi. Ma oggi a distanza di qualche mese, mi rendo conto che l’operato di questi bocconiani, di questi professori, di questi tecnici non ha nulla di eccezionale, di straordinario. Le loro iniziative, le loro proposte sono perfettamente in sintonia con il lavoro di qualsiasi altro governo politico, italico. Ovvero non c’è bisogno di nessuna famigerata laurea alla Bocconi o master ad Harvard o a Oxford, per fare quello che stanno facendo.

Continua a leggere