Attitude be free – Il Giorno – agosto pdf


clicca qui per leggere, scaricare e sfogliare Attitude be free “Il giorno” di Agosto

Manitese & Attitude presentano: DA RAGUSA A POIPET IN UNA NOTTE


Un balzo di quasi 10.000 km, un viaggio, uno sguardo in una terra remota, lontana e affascinante come è la Cambogia.
Per una notte, quella del 20 agosto, faremo in modo che Piazza Duca degli Abruzzi a Marina di Ragusa diventi un angolo di Cambogia, una posto all’ombra delle guglie di Angkor Wat, una riva del Mekong a cui approdare.
L’intento che ci ha spinto ad organizzare questa serata è duplice. Vogliamo informare i partecipanti sul fenomeno del Trafficking (tratta di esseri umani), sul turismo sessuale e sugli abusi sui minori, ma allo stesso tempo vogliamo fare qualcosa di concreto, ed è per questo che organizziamo questa serata con Mani Tese, l’Ong che spesso ha trovato nelle nostre pagine un mezzo per far sentire la propria voce, e che si impegna da anni con progetti di cooperazione in Cambogia volti alla tutela dell’infanzia e al rispetto dei bambini. Quanto verrà raccolto verrà investito per il finanziamento del progetto n. 2236 atto alla costruzione di un centro di accoglienza per vittime di Trafficking a Poipet, una cittadina cambogiana sul confine con la Thailandia.

Continua a leggere

TRAFFICKING, UN ATTO IGNOBILE


 

La tratta degli esseri umani è un affare enormemente redditizio, insieme al traffico delle armi è l’attività criminale più importante al mondo, seconda solo al traffico di droga. Fare delle stime delle  vittime di questo orrendo crimine così come provare a misurare il volume d’affari di questo mercato è estremamente difficile, per tutta una serie di fattori, che vanno dalla difficoltà della materia sino alle connivenze delle autorità coinvolte. In ogni caso le stime fatte dalle organizzazioni internazionali sono devastanti, anche se spesso discordanti. Comunque secondo le Nazioni Unite il volume di affari scaturito da questo commercio sfiora i 32 miliardi di dollari l’anno, mentre altre stime parlano di 42 miliardi di dollari l’anno.
Da poco tempo la comunità internazionale si è occupata seriamente del problema, da un punto di vista giuridico, lessicale e concettuale. Un ritardo che ha determinato non poca confusione oltreché ad un rallentamento inaccettabile nelle politiche di contrasto. 
Le grandi organizzazioni internazionali hanno cominciato a interessarsi direttamente della questione dalla Convenzione delle Nazioni Unite contro la Criminalità Organizzata Transnazionale, firmata a Palermo nel 2000, dove sono stati allegati due Protocolli aggiuntivi dedicati esclusivamente alla tematica del Trafficking. Questi Protocolli offrono una definizione univoca sia dello Smuggling of Migrants (traffico dei migranti), sia del Trafficking of Human Beings (tratta degli esseri umani), offrendo così finalmente una base giuridica globale su cui operare per contrastare tali fenomeni.

Continua a leggere