STATUARIO E COMPATTO IL PARTITO DEL NO ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE


Tutti assicurano che le trivellazioni, anche al solo fine esplorativo, non hanno alcun impatto ambientale né rappresentano un rischio per la salute pubblica. Questo lo affermano: gli ufficiali di polizia giudiziaria del Dipartimento regionale dell’energia, l’assessorato regionale, l’Enimed e i tre sindacati confederati iblei.

Sarebbe il caso, quindi, di chiudere una volta per tutte queste inutili polemiche su eventuali e paventati rischi per la salute pubblica legati ai pozzi di perforazione nel Val di Noto e sul territorio ragusano.

Quello che si è fatto sino ad oggi è terrorismo ambientalista e bisogna chiedersi perché qualcuno vuole bloccare lo sviluppo della provincia iblea. Come fanno giustamente i sindacati.

Sul chi ha questo insano progetto non vi sono dubbi: il solito gruppetto radicale di Legambiente, la direttrice dell’Arpa di Ragusa (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale) una tale dott.ssa Lucia Antoci, chissà poi con quali competenze dichiara che “il territorio ibleo è uno dei più vulnerabili”, ed infine un certo Ing. Philippe Pallas, ai più sconosciuto, che pare faccia il Consulente delle Nazioni Unite per la valutazione e lo sfruttamento delle risorse idriche. Certo fa un po’ sorridere che questi della Nazioni Unite, che si sa non fanno nulla, hanno pure l’ardine di intromettersi nelle cose di casa nostra.

Continua a leggere

Annunci

Nucleare, acqua pubblica e legittimo impedimento. REFERENDUM UN PO’ DI CHIAREZZA!



Il 12 e il 13 giugno si celebreranno i 4 referendum su: privatizzazione del servizio di gestione delle acque pubbliche, sul nucleare e sul legittimo impedimento.

Una cosa che non capisco e non riesco ad accettare è perché il popolo italiano debba sistematicamente ignorare l’unico strumento che ha di democrazia diretta. Proprio in un Paese come quello italiano, che da sempre ha fame di democrazia. Andare a votare è un fatto di civiltà, si può votare Si e si può votare No, una legge la si può abrogare o la si può confermare ed allora perché vanno tutti al mare come ci consigliò quel gran signore di Bettino Craxi?

Ribadiamo una cosa, quei bolscevichi della Corte Costituzionale hanno detto si al referendum sul nucleare. Quindi saranno 4 le schede su cui poter votare. Quindi neanche il famigerato decreto Omnibus, approvato in tutta fretta lo scorso 31 marzo, contenete la moratoria sul nucleare, ha potuto fare nulla contro il referendum di iniziativa popolare.

Ma veniamo brevemente ai 4 quesiti. Privatizzazione delle reti idriche (scheda rossa e gialla). I fautori della legge asseriscono che il nostro sistema idrico è un colabrodo (giusto!) e le municipalità non hanno i soldi per fare le dovute manutenzioni, ecco che entrano in gioco i privati o meglio le S.p.A., con capitale misto pubblico/privato. Due considerazioni: se un privato entra in un affare, di certo non lo fa per spirito solidaristico, ma per ricavarne un guadagno. Ora visto che le nostre reti idriche necessitano di ingenti investimenti, dove queste S.p.A. recupereranno i soldi investiti se non implementando le tariffe? Due, questi privati non sono delle entità astratte, ma multinazionali conosciute, che in Italia già si occupano di acqua, energia e rifiuti. Un complesso sistema di scatole cinesi ci conduce al solito gruppetto di multinazionali che fanno affari nel mondo con l’acqua e i rifiuti, su tutte la Veolia, S.p.A. francese con grossissime partecipazione di capitale statunitense, e poi le “italianissime” Eni, Suez, Hera ed Acea, delle quali la Veolia possiede importanti pacchetti azionari. Nelle città italiane dove l’acqua è stata già privatizzata, nel Molise o sul versante campano-laziale, i benefici per le tasche delle società dai nomi improbabili, come Acqualatina, Sigesa o Acqua Campania S.p.A, non si sono fatti attendere. Naturalmente dietro queste società c’è la Veolia e le altre multinazionali sopracitate. In conclusione va ricordato che la Veolia si occupa già da anni delle reti idriche tedesche e francesi, notizia di questi mesi è che la Germani e la Francia stanno facendo un passo indietro in favore dell’acqua pubblica, troppo alte le tariffe. Voti Si o No?

Il nucleare (scheda grigia). Se questa tecnologia fosse veramente la soluzione ai problemi energetici mondiali non si capisce come tutte le nazioni fortemente industrializzate non investano sul nucleare. Se il nucleare fosse, come qualcuno ci vuol far credere, la risorsa sicura, a bassissimo impatto ambientale ed estremamente redditizia, non si spiega perché la Germania e la Svizzera hanno detto no al nucleare, la Cina investe sempre più sulle energie alternative e perché gli Stati Uniti non costruiscono una centrale nucleare da 40 anni. Si continua a ripetere che sono sicurissime, naturalmente sino al prossimo incidente. Dopodiché i nostri esperti iniziano ad imbastire infinite discussioni che vorrebbero spiegare il perché quell’incidente è accaduto. Il fatto è che gli incidenti accadono. Il Giappone, sino ad un anno fa, veniva portato ad esempio, solo oggi, dopo Fukushima, scopriamo che i suoi impianti erano obsoleti, ma nessuno ci spiega il perché. Il perché è molto semplice, costruire e poi smantellare una centrale nucleare ha costi abnormi e difficilmente calcolabili, ecco il motivo per cui le centrali non vengono dismesse e le si utilizza anche a rischio di incidenti. Senza parlare poi delle scorie, l’Italia non sa che farsene della sua immondizia figuriamoci dei rifiuti nucleari. Voti Si o No?

Il quarto quesito referendario riguarda il legittimo impedimento (scheda verde chiaro). Dopo che la Corte Costituzionale ha in parte bocciato la legge n° 51 del 7 aprile 2010, cioè quella legge che voleva giustificare l’assenza in tribunale, per il Presidente del Consiglio e per i ministri della Repubblica, nelle udienze dei procedimenti penali a causa degli impegni istituzionali. Gli esponenti del centrodestra con Berlusconi in testa da sempre hanno presentato questa legge come un atto di modernità e di civiltà, così come è in tutto il resto d’Europa, totalmente falso di seguito il perché, all’indomani del pronunciamento dell’Alta Corte hanno iniziato a delegittimare questo quarto quesito giudicandolo inutile e ridondante.

Non è così, perché questo quarto quesito vuole ri-affermare con forza un principio costituzionale messo in discussione dalla suddetta legge: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.

Ritornando ai tanto sbandierati esempi europei basterebbe vedere che:

In Francia non esiste alcuna protezione per i ministri. La Costituzione prevede, nell’articolo 26, che gli eletti non sono coperti dall’immunità restano fuori dall’immunità anche gli atti compiuti per incarico del governo. I ministri possono essere indagati in qualsiasi momento, presidente del consiglio compreso. Solo il presidente della Repubblica (il caso Chirac omologo di Napolitano e non di Berlusconi) è totalmente irresponsabile, anche se sono allo studio modifiche per questa tutela.

In Spagna i parlamentari sono perseguibili per i loro reati senz’alcuna limitazione, ma sottoposti all’autorizzazione del Parlamento. In trent’anni non si ha notizia di un solo rifiuto. I ministri non godono di alcuna tutela, ma per loro è responsabile del giudizio non la magistratura ordinaria, ma la Corte suprema.

In Germania parlamentari godono dell’immunità solo per quello che fanno nella loro veste di deputati. Come in Italia non possono essere arrestati senza l’autorizzazione della Camera di appartenenza. Stesso trattamento per il Cancelliere e per i ministri. Nessuno è immune per atti estranei all’attività di governo. Nel caso del presidente della Repubblica è perseguibile il giudizio solo per violazione premeditata della Costituzione. Voti Si o No?

Apertura campagna referendaria dell’IDV Ragusa – nucleare – acqua pubblica – legittimo impedimento


Si apre oggi (19 marzo) a Ragusa in piazza Libertà la campagna referendaria dell’Italia dei Valori, a partire dalle ore 10.00, per promuovere i quesiti referendari contro il nucleare e il legittimo impedimento.
Scendiamo in piazza per difendere l’ambiente, l’acqua come bene comune e l’articolo 3 della Costituzione che sancisce l’uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge.
Noi dell’Italia dei Valori abbiamo raccolto DA SOLI oltre du…e milioni di firme per restituire ai cittadini il diritto di esprimersi su temi che riguardano il futuro di tutti. L’immane tragedia del Giappone conferma quanto noi abbiamo sempre sostenuto: il nucleare è un’energia obsoleta, costosa e pericolosa. Per questo, non vogliamo che nel nostro Paese si realizzi il folle piano nuclearista del governo che prevede la costruzione di 13 nuove centrali. Invece di fermarsi a riflettere su cosa occorre fare sul piano tecnico, l’Italia deve abbandonare definitivamente la scelta del nucleare e puntare tutto sulle rinnovabili. Il governo non giochi con la pelle dei cittadini. Votando sì ai quesiti referendari gli italiani potranno scongiurare il pericolo atomico e, soprattutto, rimuovere lo scudo giudiziario che Berlusconi si è fatto confezionare ad hoc per evitare le aule di tribunale. Vi aspettiamo domani a Ragusa in piazza Libertà !

GIOACCHINO GENCHI. UN SERVITORE DELLO STATO SOTTOATTACCO 


Abbiamo intervistato Gioacchino Genchi, poliziotto dal 1985, oggi è vice questore di Palermo. Nel 1996 divenne consulente tecnico dell’Autorità Giudiziaria e diede il suo contributo alla risoluzione di importanti indagini e processi penali. Ha collaborato come consulente informatico con molti magistrati tra cui Giovanni Falcone e Luigi de Magistris. Esperto di informatica e telefonia si occupa di incrociare i tabulati delle telefonate in processi di grande importanza, quali quelli sulla mafia, che hanno rivelato il rapporto tra la mafia e il complesso giuridico-economico-politico della seconda Repubblica Italiana.

Secondo Berlusconi Genchi avrebbe intercettato 350.000 persone. Genchi non ha mai svolto una sola intercettazione, il suo compito infatti era quello di analizzare tabulati telefonici, che tuttavia l’allora presidente del Copasir Francesco Rutelli riteneva delicati e rilevanti quanto le intercettazioni.

Nel febbraio del 2009 è stato aperto un procedimento penale a carico di Gioacchino Genchi presso la Procura di Roma. Il 26 giugno 2009 Genchi viene scagionato, poiché non ha violato la privacy di nessuno.

Il 23 Marzo 2010 a Genchi viene comminata un’ulteriore sospensione di 6 mesi dal servizio, firmato dal capo della polizia, Antonio Manganelli, rischiando così la destituzione dal servizio.

 

Come mai dottor Genchi ha deciso di dire tutto? Di Pubblicare un libro dal sottotitolo così pesante: “Storia di un uomo in balia dello Stato”.

Il libro è la risposta al cosiddetto “Caso Genchi” e al clamore mediatico che tutto ciò ha suscitato. Il libro è nato dalla necessità di difendermi da tutta una serie di falsità che sono state dette sul mio conto. Se si pensa che anche importanti testate, non allineate alla clac berlusconiana, si sono unite a questo coro infamante ci si può rendere conto della dimensione del caso.

Continua a leggere

LE DAME E IL CAVALIERE SESSO E POTERE, UNA STORIA ITALIANA


Dopo Partinico (Palermo) e Catania, l’8 luglio prossimo arriva anche a Ragusa, terza ed ultima tappa in Sicilia, il film documentario “Le Dame e il Cavaliere”, di Franco Fracassi. Un documentario, un film inchiesta su Silvio Berlusconi e su come il premier intenda la politica, consideri le istituzioni e sopratutto sul perché si circonda di tanta avvenenza femminile.

Franco Fracassi è un giornalista. Ha raccontato le guerre degli ultimi vent’anni, ha scritto libri d’inchiesta sull’assassinio di Ilaria Alpi e Miran Hrovtain, sulla Russia degli oligarchi di Eltsin e sulla minaccia nucleare iraniana. Da sei anni Fracassi si dedica alla realizzazione e alla produzione di documentari d’inchiesta. A tal scopo ha fondato la società di produzione Telemaco che diede vita al documentario «Zero, inchiesta sull’11 settembre», che è stato visto da oltre 50 milioni di persone, il documentario italiano più visto al mondo.

Continua a leggere

Proiezione “Le Dame e il Cavaliere” a Ragusa il prossimo 8 luglio al Lumiere di Ragusa


locandina evento

PROGRAMMA

Ore 20.00 dibattito, saranno presenti, tra gli altri, il regista Franco Fracassi, il giornalista Luciano Mirone.

Ore 21.00 – Proiezione del film “Le Dame e il cavaliere”
c’è un film :”le dame e il cavaliere” che racconta le gesta dell'”utilizzatore finale” che abbiamo a capo del governo Italiano e questo film realizzato dal regista Franco Fracassi e altri giornalisti non trova in Italia possibilità di visione.

COS’È
Un film d’inchiesta che nessuno ha voluto distribuire per non rischiare. Che viene diffuso e conosciuto grazie al passaparola. E che diventerà illegale se venisse approvata la legge-bavaglio.

L’unica fiction vietata in tv. Tutto quello che vorrebbero farci dimenticare.

LA TRAMA DEL FILM
Ogni sera lo stesso rituale che il padrone di casa impone a se stesso e a quaranta ospiti, tutte ragazze speranzose di avere un ruolo nella prossima fiction tv o un posto in parlamento. Per le più fortunate la possibilità di andare a letto con Silvio Berlusconi.
E così, sera dopo sera, il presidente del consiglio sta trasformando questo Paese e le sue istituzioni. Dietro, un preciso progetto politico: rendere innocuo il parlamento e piegare la democrazia alla volontà del capo. Questa inchiesta esclusiva si addentra nei segreti del sistema, e racconta di come l’Italia stia diventando una mignottocrazia.

“Il film è un vero e proprio viaggio all’interno delle stanze del potere, un potere fatto e sostenuto da ricatti, minacce e naturalmente di sesso, tanto sesso, utilizzato, però, a fini politici. Non è gossip, ma un’inchiesta giornalistica, fatta da giornalisti per denunciare uno stato di cose non più accettabile da una società civile e democratica quale si professa quella italiana”.

Organizzazzione: Popolo viola Ragusa, Forum dell’acqua pubblica ed Attitude
Info e prenotazioni
349.0707133 (Nello)

dell'utri non è mai stato mafioso, aveva ragione berlusconi


Nonostante una condanna in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa ed un’altra in cassazione per frode, il fidatissimo Dell’Utri nonché mentore delle giovani leve di Forza Italia se la prende con Caselli, l’antimafia e tutti quei tribunali che proprio non hanno null’altro da fare che fargli perdere tempo:

lonore-di-dellutri1

“L’Antimafia non è finita. C’è e ci sarà finchè esiste la mafia ed è un bene (detto da lui…). Credo, tuttavia (eccolo), che, allo stato attuale, il rapporto tra costi e benefici sia assolutamente sproporzionato (certo si sono messi pure a condannare..), soprattutto quando alcuni procuratori antimafia ‘fanno politica (vuoi che non c’entravano le toghe rosse?)'”

e poi torna sul vecchio tormentone:

Continua a leggere