SEQUESTRATA PER TRUFFA LA CANTINA VINICOLA DEL FEUDO ARANCIO


L’ombra della mafia si allunga su Mezzacorona S.p.A., una delle realtà vitivinicole più dinamiche e innovative d’Italia

Lo scorso 27 luglio la Guardia di Finanza di Ragusa e il Procuratore della Repubblica, Carmelo Petralia, hanno posto sotto sequestro l’importante cantina vinicola del Feudo Arancio sita nel comune di Acate. “Un atto che non ha voluto interferire – dichiara il Comandante provinciale delle Fiamme Gialle, Francesco Fallica – sulla produzione vinicola e quindi sull’occupazione in un momento delicato quale è quello della vendemmia”.

Questa operazione è stata il frutto della normale attività di monitoraggio delle Fiamme Gialle per quanto riguarda l’erogazione dei contributi pubblici a soggetti privati, un’attività che ha permesso nella fattispecie di sventare una truffa di 4,366 milioni di euro ai danni dello Stato e della Comunità Europea, ordita dalla società Future Tecnologie Agroambientali s.r.l., facente parte del Gruppo Mezzacorona S.p.a.

L’indagine denominata Old Tower riguarda tre società, appartenenti al Gruppo suddetto,  una di Acate e due del Trentino Alto Adige.

In sintesi la frode consisteva nell’acquisizione di finanziamenti pubblici grazie all’esibizione di false fatture derivanti da compravendite fittizie di immobili. In pratica la Future Tecnologie Agroambientali s.r.l. aveva acquistato la cantina del Feudo Arancio da un’altra società sempre di proprietà del Gruppo Mezzacorona, cioè la società acquirente e la società cedente sono dello stesso proprietario, la famiglia Rizzoli.

Le indagini della Guardia di Finanza sono riuscite a svelare la complessa architettura posta in essere dalla Future Tecnologie Agroambientali s.r.l. per accaparrarsi il finanziamento pubblico di 4,366 milioni di euro. Un’operazione economico-finanziaria che doveva servire, ufficialmente, a dar vita a degli investimenti nell’impresa oltreché a creare nuovi posti di lavoro. Questi alcuni requisiti affinché il finanziamento fosse erogato. In realtà però non solo l’azienda non aveva investito nessun capitale proprio, condizione fondamentale per l’erogazione del finanziamento, ma non aveva neanche incrementato il proprio organico, visto che i nuovi contratti riguardavano personale già in forza all’azienda.

Il sequestro della Cantina, l’aver sventato la truffa milionaria e l’aver messo sul registro degli indagati otto persone, tra le quali anche il funzionario dell’istituto di credito (Banca Nuova), che ha seguito la pratica del finanziamento e che avrebbe dovuto rappresentare il Ministero dello Sviluppo Economico (in quanto Ente erogatore), non ha decretato la parola fine all’operazione Old Tower, che anzi continua affinché vengano accertate connivenze e responsabilità all’interno delle società coinvolte e perciò dell’intero Gruppo Mezzacorona.

 

La Cantina sequestrata

Un’indagine in fieri anche perché l’operazione investigativa ha svelato un recente passato non proprio rassicurante per il Gruppo del Trentino Alto Adige, infatti si è scoperto che le cantine di Acate in contrada Torrevecchia -Feudo Arancio- prima di essere acquistate dal Gruppo altoatesino erano di proprietà della Torrevecchia di Favuzza & C. Sas, società riconducibile agli eredi dei noti cugini Salvo di Salemi. Ma le sorprese non sono finite, infatti nel collegio sindacale della Future Tecnologie Agroambientali fanno parte tre soggetti nativi di Castelvetrano (Tp), la cui posizione e il cui ruolo sono oggetto di altre indagini attualmente in fase dibattimentale, in quanto facenti parte del collegio sindacale della Grigoli distribuzione Srl azienda ritenuta vicina a Matteo Messina Denaro, il super latitante, di cui il Grazioli, il cosiddetto re dei supermercati sarebbe addirittura socio.

Questo lungi dal considerare la famiglia Rizzoli e il Gruppo Mezzacorona invischiati in fatti di mafia non esclude però che delle infiltrazioni ci possano essere, visto che si sta parlando di una realtà imprenditoriale di primissimo ordine, capace di chiudere il bilancio del 2009 con un fatturato di 145,8 milioni di euro rispetto ai 139,1 milioni dell’anno scorso, ovvero con un incremento del 4,6%, in un periodo non dimentichiamolo di crisi.

Nulla di strano quindi se longa manus della mafia si fosse interessata agli affari della cantina altoatesina. “Se avessimo avuto elementi in tal senso – chiarisce il Colonnello Fallica – avremmo agito sulla base del 416 bis con altri atti d’indagine, con altre modalità e anche con altre misure cautelari”.

Ma sola ipotesi ha mandato su tutte le furie Fabio Rizzoli, che dimentico della tentata truffa di 4,366 milioni ordita dal suo Gruppo, ha pensato bene di minacciare di querela il Comandante della Finanza Fallica reo di aver svolto il suo lavoro. E così il sito www.winenews.it pubblica una presunta nota ufficiale del Cda del Gruppo: “A seguito di una riunione straordinaria del Cda di Mezzacorona sca, holding del Gruppo Mezzacorona, a causa di una valutazione delle ultime vicende riguardanti il Gruppo stesso, nonché del grave danno di immagine e di reputazione provocato dalle improvvide dichiarazioni del Colonnello Francesco Fallica, è stato dato mandato al Presidente del Gruppo, il dottor Guido Conci, il quale ha già dato incarico ai legali di fiducia, di inoltrare denuncia-querela per calunnia e/o diffamazione nei confronti del suddetto Colonnello essendo il Gruppo Mezzacorona assolutamente estraneo a qualsiasi ipotesi di “mafiosità”, con anche consequenziale richiesta di risarcimento dei danni morali e materiali arrecati”.

Certo appare quantomeno strano tanta solerzia contro un Colonnello, vero è che sono 4 i milioni a mancare adesso nelle casse della Future Tecnologie e quindi in un modo o nell’altro nelle casse del Gruppo Mezzacorona e ciò può creare un po’ di risentimento, ma più che preoccuparsi del danno di immagine a causa di una dichiarazione, che non è una sentenza, forse sarebbe più utile preoccuparsi del danno che ci si è arrecati tentando di frodare lo Stato e la UE e chissà magari sarebbe opportuno controllare chi sono i propri dipendenti, ma questo sarà la magistratura a deciderlo.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...