Berlusconi e la dittatura strisciante di questo centrodestra


Verso una dittatura morbida. Che il Paese sia sotto scacco da quindici anni dovrebbe essere evidente a tutti. Che un certo signore negli ultimi 15 anni, forte di una maggioranza sempre più grande, ha fatto il bello e il cattivo tempo dovrebbe essere sotto gli occhi di tutti.

Berlusconi a Parma

Questo stesso signore, ieri, davanti ad una platea di imprenditori in visibilio, afferma senza alcun pudore che l’esecutivo in Italia non ha alcun potere, e perciò si rende necessaria una riforma della Costituzione in favore di un presidenzialismo, ma che tipo di presidenzialismo?

Le ipotesi sono tante quante sono le idee che ognuno ha della cosa pubblica, dello Stato, del come gestire e guidare la società civile. Una cosa è certa, il presidenzialismo è un regime politico che accentra nelle mani di un sol uomo enormi poteri. Una Repubblica presidenziale è una forma di governo in cui il potere esecutivo si concentra nella figura del Presidente, che è sia il capo dello Stato sia il capo del governo. Generalmente è eletto direttamente dai cittadini e forma il suo governo; essendo capo di stato non ha bisogno di voto di fiducia parlamentare anche perché, avendo già ottenuto il voto della maggioranza dei cittadini tramite il loro voto, non ha bisogno della fiducia dei loro rappresentanti. La legittimazione attraverso il voto conferisce al presidente una chiara superiorità rispetto ai suoi ministri, non sempre rimarcato nei sistemi parlamentari.


Una forma di governo legittima, che, a causa della sua natura, abbisogna, però, di solidissimi contrappesi pena l’esistenza stessa della democrazia. A livello teoretico solamente le repubbliche più mature sono in grado di attuare una tale forma di governo, proprio perché pesi e contrappesi sono realtà consolidate, accettate e rispettate unanimemente da tutte le forze, politiche e non.

Non a caso il presidenzialismo puro è il regime preferito dagli stati dittatoriali o a rischio dittatura, infatti basta l’assenza o la debolezza di uno dei contro poteri presidenziali ed il governo è nella piena possibilità di essere l’unico attore in gioco. Basti vedere le tante repubbliche sudamericane, africane, asiatiche e dell’Europa dell’est che hanno scelto questa forma di governo. Tutte queste repubbliche sono tristemente note per la mancanza di democraticità.  Il presidenzialismo è l’habitat perfetto per un governo populista, per un capo carismatico, per un popolo distratto ed ignorante.

Come Berlusconi possa dire certe cose non è chiaro, visto che da quando lui è sceso in politica troppe volte e per troppo tempo il Parlamento italiano è stato costretto ad occuparsi di interessi particolari. La proverbiale lentezza del potere legislativo italiano, così tante volte chiamata in causa da Berlusconi e dai suoi epigoni, si dissolve come neve al sole tutte le volte che il Parlamento debba decidere sulle cosiddette leggi ad personam (basta andare a scartabellare il sito del Governo per vedere quanto tempo è stato impiegato dal Parlamento per legiferare su queste tematiche), un tempo però che si dilata enormemente quando le tematiche trattate riguardano interessi generali ed universali.

La cosa che più fa preoccupare è la continua produzione di slogan da parte di questa maggioranza che oltre a tracciare una non ben precisata necessità dello Stato nulla dicono sulle effettive intenzioni di questo governo. Slogan più adatti ad una campagna pubblicitaria, che ad avviare un concreto confronto tra le forze politiche. Una dialettica auspicabile per dar vita ad una reale stagione delle riforme da tutti condivisa, ma anche e forse sopratutto per spiegare agli italiani cosa stiamo abbandonando ed in favore di che cosa.

Questa è la sfida più importante che attende il Presidente della Repubblica e tutto il mondo della politica affinché questa maggioranza non calpesti una volta per tutte i diritti faticosamente conquistati dai nostri avi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...