Recensione allo spettacolo del 20 marzo. 84.06


Lo scorso 20 marzo è andato in scena, al Teatro Vittoria Colonna, la rappresentazione “84.06” del collettivo artistico romano Santasangre.

Sin dall’inizio è stato ben chiaro che avremmo assistito a qualcosa di diverso.

Niente sipario. Nessuna attesa. Due dei performer sono già sul palco. Impettiti e distaccati ci osservano senza batter ciglio. Le loro tute anonime li identificano. Non hanno né armi né gradi, non sembrano soldati anche se la loro postura, il loro aspetto, li ricorda. Accanto a loro due tavolini, con due computer e di sottofondo il gracchiare di una radio non ancora sintonizzata.

La rappresentazione non è ancora iniziata, scambio due parole con il mio vicino, ma sono disturbato (anche lui, ma me lo confesserà solo all’uscita da teatro), infastidito da quei due e dal gracchiare della radio.

Finalmente si spengono le luci, i due prendono posizione ed iniziano a lavorare. Un sistema di carrucole fa cedere pesantemente e ripetutamente dei pesi sul palco o meglio su un muro di cemento costruito sul palcoscenico. Una, due, tre volte finché non è ridotto in macerie.

Si illumina la parte più remota del palcoscenico, compare un uomo, si è appena svegliato, è in una stanza, in una teca di vetro. La radio ha smesso di gracchiare, adesso trasmette degli oridini perentori e lui, l’uomo nell’ampolla, li esegue in silenzio. Sono movimenti ripetitivi, meccanici a volte sincopati. Lui, che viene identificato solo con un numero di serie, non è solo. Una serie di ologrammi, di suoni ed una musica ipnotica lo accompagnano, lo esortano e lo costringono. L’atmosfera è cupa, asfissiante, e più la performace va avanti più la costrizione si fa viva.

Le associazioni sono immediate e non c’è bisogno di nessuna elaborazione. Il parallelismo con opere quali Fahrenheit 451, di Ray Bradbury, o con 1984, di George Orwell, è lapalissiano. La critica o il “racconto” della società di massa è sotto gli occhi di tutti.

E’ un crescendo di proiezioni vomitate sullo sfondo e al suo fianco, di suoni deflagranti, di violenza fisica che ne determina la ripetitività ossessiva dei gesti. Scorre così lo spettacolo lasciandoci senza fiato, sino alla dichiarazione.

A loro, a quest’Ente sovraordinato, a questo Grande Fratello, non interessano i suoi peccati, il suo passato, ciò che loro hanno a cuore è la sua volontà, che ben presto sarà piegata all’unico pensiero. Non è il suo agire che si vuole bloccare, è il suo istinto a pensare che va annientato.

84.06 è un’opera sofisticata, che riesce ad annullare progressivamente categorie come lo spazio e il tempo, sempre più entità amorfe, totalmente asservite alla sapiente manipolazione dell’Ente, non a caso il racconto si conclude così come era iniziato. Quasi un omaggio all’eterno ritorno nietzschiano, scopriamo che è lo stesso protagonista a manovrare il sistema di carrucole affinché quel muro, sempre meno materico, possa esser dissolto una volta per tutte.

84.06 è uno spettacolo claustrofobico, piacevolmente angosciante, forte dell’assenza di qualsiasi dialogo verbale, risulta capace nell’indicarci il percorso inevitabile dell’omologazione.

Prevendita: Agenzia Viaggi Macauda-Denaro via Bixio,113/a -Vittoria – tel. 339.2928965
da lunedì al venerdì 9.30/12.30 – 16.30/19.30

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...