“DECRETO/I BERLUSCONI”


E’ il 16 ottobre 1984. Alle 20 e 20 in Piemonte, Lazio e Abruzzo, sugli schermi Fininvest appare la scritta: “Per ordine del pretore è vietata la trasmissione in questa città dei programmi di Canale5, Rete4 e Italia1, regolarmente in onda nel resto d’Italia”. La motivazione di una tale decisione era legittimata dal fatto che la Fininvest trasmetteva su scala nazionale e la legge di allora non lo permetteva.

Berlusconi infatti in barba a qualsiasi norma riusciva a trasmettere a livello nazionale con il metodo del “pizzone”, ovvero prima registrava il palinsesto e poi lo spediva alle varie reti locali che lo trasmettevano, a questo punto intervennero i pretori suddetti. Risultò ineluttabile l’intervento governativo in favore di Berlusconi che rischiava il tracollo finanziario se i pretori d’Italia si fossero mossi come i loro colleghi del Piemonte, del Lazio e dell’Abruzzo. E così quattro giorni dopo quell’imposizione Bettino da Londra dichiara la necessità di convocare un consiglio dei ministri straordinario per dirimere la questione.

Il 20 ottobre del 1984, il consiglio dei ministri approverà il “Decreto Berlusconi”, legalizzando in via provvisoria l’interconnessione funzionale, ossia la tecnica del “pizzone”. L’Anti, l’Associazione delle tv locali, grida allo scandalo e parlerà di “attentato alla costituzione, un autentico golpe” volto “a salvare il monopolio di Berlusconi”. Il decreto però doveva ancora passare dalle forche caudine del Parlamento, dove infatti con sedici voti di scarto e una sessantina di franchi tiratori la Camera bocciò il “Decreto Berlusconi”. Ma Bettino non si arrendeva facilmente e dopo essersi accordato con De Mita e i comunisti, regalandogli la direzione della terza rete rai, ripropose il, ponendo questa volta la fiducia. Siamo giunti così al 4 febbraio del 1985, il decreto diviene legge e il monopolio della Tv privata fu salvo.

Annunci

Un pensiero su &Idquo;“DECRETO/I BERLUSCONI”

  1. Pingback: THE DARK SIDE OF THE MOON. CRAXI E I SUOI EPIGONI SENZA MEMORIA « Attituderagusa's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...