Teatro aperto. “MARI”


Recensione allo spettacolo del 29 Gennaio – Vittoria

Tutto è buio e una fioca luce illumina lui, un pescatore, un uomo in riva al mare. Dopo poco arriva una donna, scoprirai presto che è la moglie. La coppia è quella che un siciliano conosce bene. È una coppia stereotipata, per fortuna in via di estinzione. Per fortuna il mondo cambia ma non così velocemente come vorremmo. Lei timida, ma neanche troppo, lui burbero, ma a modo suo. Lei sicuramente pedante ed insicura e lui, ormai se l’è sposata, forse avrebbe fatto meglio a star solo, ma no in fono la ama, ma non lo deduci subito, perché questo spettacolo è lento, lentissimo quasi una pantomima di uno spettacolo russo di fine ottocento, peccato che loro sono siciliani e che lo spettacolo è in dialetto messinese.
Dopo pochi minuti dall’inizio, mi sono chiesto se era giusto pensare che già quello spettacolo mancava di tensione. In fondo lei era snervante e lui non voleva sbottare, ma in qualche modo soffriva, gli elementi c’erano tutti per… ma no, scorreva lento e monocromatico.
Uno spettacolo trascinato, un linguaggio trascinato, con i gesti trascinati. Pareva non finisse mai e poi di nuovo tutto da capo, ma senza senso, senza vitalità. D’accordo la coppia sicula, chissà di quale era, ignoranti e gravati dall’impossibilità ed incapacità di comunicare con se stessi, figuriamoci poi con la moglie o col marito. È un tema interessante che dovrebbe avere poco a che fare con la noia, che invece mi stava abbattendo. Dopo poco mi decisi, non mi potevo fare alcuna remora. Avevo tutto il diritto di dubitare o degli attori o della trama. Alla fine propensi per la trama del tutto inesistente. A meno che lo spettacolo non fosse durato 17 minuti, allora sarebbe stato accettabile e non mi sarei annoiato tanto. Ma uno spettacolo di 17 minuti ha senso? Forse No.
Due cose, però, mi sono piaciute. 1) la sensualità dei due quando sfiorano mano nella mano il mare. Un mare che tutte e due non avrebbero mai visto dallo stesso punto di vista. Tristemente reale, appunto non riusciranno mai a comunicare.
2) lui per tutto lo spettacolo pesca, non con la canna ma con al lenza, che continua a mollare e riavvolgere, mollare e riavvolgere, sembra proprio una metafora del dialogo che ha con sua moglie.

 
Con Tino Caspanello e Cinzia Muscolino
Regia di Tino Caspanello

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...