I giornalisti europei bocciano ancora una volta la praxis italica. Le intercettazioni sono uno strumento della democrazia


A volte vengono dei dubbi. A volte quando ti viene ripetuta continuamente una certa cosa può succedere che inizi a credere alla veridicità di quella cosa, anche quando il tuo pensiero inizialmente non la reputava tale.

Questa dinamica è talmente vera tanto quanto è banale e come si sa più una cosa è vera più è semplice, più è distante dagli inutili arzigogolamenti intellettualistici più è reale. Ma visto che nessuno di noi è onniscente e soprattutto visto che ci sono situazioni, realtà, dimensioni a noi lontane il dubbio si fa ancor più forte quando a criticare la nostra posizione è una persona che vive, lavora e sta a contatto quella situazione, realtà e dimensione a noi avulsa. Di cosa sto parlando? Ma naturalmente delle intercettazioni.

Qualche dobbio mi era venuto, ma quando è la Federazione europea dei giornalisti a criticare la politica dell’attuale governo, beh qualsiasi dubbio si scioglie come neve al sole.

riporto di seguito il resoconto della Federazione nazionale della stampa italiana sull’incontro tenuto ieri a Berlino dalla Federazione europea della stampa:

Votato all’unanimità dall’assemblea della Federazione europea dei giornalisti, riunita a Berlino, un documento contro la stretta sulle intercettazioni voluta dal Governo italiano e le sanzioni penali previste contro i giornalisti.

La delegazione della Fnsi era composta dal Presidente Roberto Natale, dal Segretario generale Franco Siddi e dal Direttore Giancarlo Tartaglia “L’assemblea annuale della Federazione europea dei giornalisti, riunita a Berlino, condanna il progetto di legge del governo italiano che, con la scusa della privacy, vuole stabile sanzioni penali – fino a tre anni di carcere – per i giornalisti che pubblichino informazioni o citino notizie di inchieste giudiziarie. E’ il caso soprattutto delle intercettazioni telefoniche disposte dalla magistratura. Questa è un’iniziativa – prosegue il documento – che mette il bavaglio ai giornalisti e impedisce ai cittadini di essere informati su temi d’interesse pubblico compresi nelle inchieste giudiziaria. Questo modo di procedere è contrario ai principi universali dei diritti dei media e della loro funzione nelle democrazie moderne. I giornalisti, infatti, non devono nascondere le informazioni d’interesse generale, sia originate da fonti libere sia da fonti confidenziali, che essi hanno il dovere di proteggere.


Il progetto di legge del governo italiano è contrario alle convenzioni internazionali e alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo.

L’assemblea annuale della Fej sostiene il sindacato dei colleghi italiani, la Fnsi, nel suo contrasto, nella sua opposizione contro il disegno di legge e fa appello al Parlamento italiano a non approvarlo o a modificarlo profondamente.

La Federazione europea dei giornalisti mette sotto osservazione la vicenda e condurrà in ogni sede d’interesse europeo un’iniziativa sociale e etica per la libertà e la qualità del lavoro dei giornalisti. Venti illiberali per tentare di condizionare l’informazione soffiano qua e là in Europa e quello italiano è un caso d’osservazione e mobilitazione professionale e civile”.

vedi anche:

Intercettazioni tutti allarmati tranne…

Le intercettazioni e le falsità costruite ad hoc…

Intercettazioni telefoniche. Privacy e “americanismi”…

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;I giornalisti europei bocciano ancora una volta la praxis italica. Le intercettazioni sono uno strumento della democrazia

  1. Pingback: Intercettazioni. Tutti allarmati tranne Berlusconi, Alfano e La Russa, che gioca al suo risiko « politico

  2. Pingback: Le intercettazioni e le falsità costruite ad hoc dal Governo Berlusconi « politico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...