SOLO IL 10% DELL’OTTO PER MILLE VA AL TERZO MONDO. SENZA PUDORE.


Con l’arrivo della bella stagione si rinnova l’appuntamento per tutti con la dichiarazione dei redditi e con l’immancabile sequela di spot sull’otto per mille. Dopo più di vent’anni dall’istituzione dell’8‰, figlio della riforma del concordato del ‘29 tra Stato italiano e Vaticano, il reale funzionamento di questa donazione rimane oltre che discutibile alquanto sconosciuto.

Un primo mito da sfatare è che l’8‰ del nostro gettito fiscale finanzi direttamente l’Ente da noi prescelto (Stato, Chiesa cattolica, Unione Chiese cristiane avventiste del 7° giorno, Assemblee di Dio in Italia, Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi, Chiesa Evangelica Luterana in Italia, Unione Comunità Ebraiche Italiane). Il meccanismo assomiglia di più ad un gigantesco sondaggio d’opinione, al termine del quale si “contano” le scelte, si calcolano le percentuali ottenute da ogni soggetto e, in base a queste percentuali, vengono poi ripartiti i fondi, sistema che naturalmente avvantaggia la maggioranza cattolica.

preti-papponi.jpg

Ma non finisce qui, infatti anche quando il contribuente non prendesse una decisone viene ugualmente tassato in base alle scelte degli altri contribuenti. Democrazia! A ciò bisogna aggiungere che, mentre la maggior parte delle confessioni lasciano allo Stato le quote non attribuite, la Chiesa cattolica rivendica per sé questi denari, ottenendo un finanziamento quasi triplo rispetto ai consensi realmente ottenuti. Altro mito da sfatare è la destinazione che la Chiesa cattolica ne fa. A comunicarlo è niente popò di meno che la Conferenza Episcopale Italiana (CEI), tramite il suo sito. E così mentre in primavera un esercito di sacerdoti accompagnati da anziani, disabili, poveri, senza tetto e bambini del Terzo Mondo irrompono nelle nostre case ricordandoci il perché l’8‰ va devoluto alla Chiesa cattolica, si scopre che solo il 20% dell’interno importo, circa un mln di euro (dati del Marzo 2006), è destinato ad interventi caritativi, di cui solo 80 mln sono per il Terzo Mondo, a differenza dei 336 mln di  € destinati al clero o dei 400 mln di  € per le esigenze di culto e pastorale, cioè per la nuova edilizia di culto e per il restauro degli immobili. Infine va detto che una parte dell’otto per mille a diretta gestione statale dal 1998 va a finanziare le casse vaticane per la Conservazione beni culturali, tramite decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Per approfondire l’argomento:
www.uaar.it/laicita/otto_per_mille/ sito dell’Unione Atei Agnostici e Razionalisti
www.aduc.it/ Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
Annunci

Un pensiero su &Idquo;SOLO IL 10% DELL’OTTO PER MILLE VA AL TERZO MONDO. SENZA PUDORE.

  1. Pingback: La vera chiesa per Papa Ratzinger è una sola. Le altre giocano in serie minori « politico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...